Il ruolo del Graphic Designer

Qual è il lavoro del Graphic Designer e perché il suo contributo è così importante? In buona sostanza, il Graphic Designer è il professionista che si occupa di creare, manualmente o tramite software, il concept visivo di un pagina, di un sito o di un blog. Il suo obiettivo principale è comunicare immagini, forme e idee in grado di stimolare, informare e attrarre i consumatori. Con il suo contributo, il Graphic Designer aiuta i marchi ad essere riconoscibili e a restare impressi nella memoria degli utenti. Quanto detto avviene attraverso una determinata scelta di immagini, colori, font e loghi, collegati a una precisa idea o identità. Gli elementi appena elencati dovranno essere utilizzati sia sul sito, che per i flyers, le brochure e le campagne di advertising dell’azienda in questione.

“Un’arte con uno scopo grafico”

La definizione più precisa di questo lavoro è quella fornita dalla AIGA, l’American Institute Of Graphic Arts, che dice: “noto anche come comunication design, il graphic design è l’arte di rappresentare idee ed esperienze tramite contenuti visivi e testuali. Questa forma di comunicazione può includere forme grafiche, immagini e parole e può aver luogo in un preciso momento o durante un lasso di tempo più ampio, su un singolo flyer o su un intero giornale. Può avere qualsiasi fine: educativo, commerciale, politico o culturale”. Un’altra definizione illuminata del graphic design è quella offerta dalla scrittrice e designer Jessica Helfand, secondo cui si tratta di: “un linguaggio visivo armonico e bilanciato, che include luci, colori, tensioni e gradazioni, contenuti e forme. Un linguaggio fatto di indizi, allusioni, simboli e riferimenti culturali, capaci di sfidare l’intelletto e gli occhi”. Tenendo conto di tali definizioni, è possibile descrivere questa materia come “un’arte con uno scopo“. E l’obiettivo dichiarato del Graphic Design è inviare un messaggio, i cui elementi fondamentali sono: le immagini, le forme, le linee, i colori e i testi.

Che lavoro fa il Graphic Designer e perché è una figura imprescindibile?

Il Graphic Designer freelance è un professionista in grado di fondere tra loro capacità artistiche e tecnologiche, allo scopo di sviluppare layout e immagini a loro volta capaci di comunicare determinate idee. Il Graphic Designer lavora sia sul web che sulla carta stampata e può ricorre a decine di strumenti ed elementi grafici o di design per realizzare effetti decorativi ed artistici di pregio. Lavora in diversi ambiti, tra cui la pubblicità, le riviste, i siti Web e i social network. Uno dei suoi compiti principali è accordare tra loro testo e immagini, in modo da produrre un’idea in grado di veicolare l’attenzione del lettore e/o del consumatore verso l’obiettivo prefissato (aumentare le conversioni o le vendite e, al contempo, incrementare la brand awareness, ovvero la consapevolezza del brand in un determinato target di pubblico). Generalmente, il Graphic Designer è chiamato a scegliere font, tipologia, dimensioni, colore e lunghezza di intestazioni, titoli e testi. Inoltre, decide come unire le parole alle immagini all’interno di una pagina web o di una schermata e quanto spazio dovranno occupare i vari elementi. Lavorando anche con il testo, il Graphic Designer è chiamato a collaborare con il copywriter, il quale sceglie le parole da utilizzare e i concetti da esprimere.

Come lavora il Graphic Designer?

Il Graphic Designer lavora al tavolo da disegno, ma vicino alla sua postazione non devono mancare un computer, la tavoletta grafica e tutti i software necessari per elaborare le creazioni che ha in mente (tra questi figurano programmi di video e foto editing quali Photoshop e Adobe Premiere Pro). Oltre a saper padroneggiare questi programmi, il Graphic Designer deve conoscere anche alcuni linguaggi di programmazione, come HTML5 e CSS. Può lavorare all’interno di un team, se assunto presso un’azienda specializzata, oppure per conto suo, in qualità di freelance. Molti di loro lavorano da casa e collaborano con clienti e colleghi da tutto il mondo.

Tutti i compiti del Graphic Designer

Ecco di seguito i compiti che un Graphic Designer è in grado di sbrigare:

  • Incontrare e collaborare con il cliente o l’art director per individuare gli obiettivi del progetto e discutere le linee guida
  • Consigliare al cliente la strategia più utile per raggiungere un determinato target di pubblico
  • Scegliere i colori, le immagini, lo stile e il layout di un sito web
  • Curare il design di un sito o di un blog
  • Creare il logo e tutti gli elementi multimediali ad esso connessi
  • Individuare e sviluppare l’idea che dovrà essere veicolata attraverso le pagine del sito e le pubblicità dell’azienda
  • Creare immagini che rispecchino le caratteristiche dell’azienda e del prodotto e che veicolino un determinato messaggio
  • Sviluppare grafiche e contenuti multimediali che supportino al meglio la descrizione di un prodotto/servizio e tengano conto della politica aziendale

Il Graphic Designer è una figura cruciale all’interno del processo di acquisizione dei clienti da parte di un’azienda. Lo stile, il carattere e gli elementi visivi di ciascun sito, pubblicità, logo, flyer o brochure dipendono dalle sue scelte e dalla sua capacità di collegarli alla politica e ai valori adottati dal brand in questione. Tutto ciò fa sì che il Graphic Designer incida in maniera sensibile sull’autorità del marchio e sulla vendita dei servizi/prodotti trattati dall’azienda. Pertanto, è spesso chiamato a lavorare a stretto contatto con le figure professionali legate all’advertising e al marketing. Spesso, i Graphic Designer si specializzano nel trattare una determinata tipologia di clienti: c’è chi cura il design degli e-commerce, chi si occupa della promozione di film, documentari e cartoni animati, chi lavora nel mondo della musica e così via. Per assicurare un supporto valido, il Graphic Designer deve tenersi costantemente aggiornato circa i software più recenti e i trend in atto.

Quali sono le caratteristiche che ogni Graphic Designer dovrebbe avere?

In tanti si domandano se per diventare un buon Graphic Designer sia importante saper disegnare. Oggigiorno, grazie all’abbondanza di strumenti informatici, l’abilità nel disegno non è un tratto fondamentale di chi fa questo mestiere. L’importante è avere occhio, conoscere le basi del marketing, padroneggiare i vari editor video e foto esistenti ed avere una discreta fantasia. Inoltre, bisogna che il Graphic Designer abbia buon gusto e sappia mettersi nei panni del proprio target di pubblico. Layout e disegni devono risultare piacevoli e saper veicolare determinate idee e sensazioni. Uno degli step più importanti è imparare a pensare come i clienti. Cosa potrebbe spingerli ad acquistare un determinato prodotto o servizio? Navigare su un sito internet fruibile e dotato di un look accattivante può fare la differenza: il buyer potrebbe sentirsi più motivato ad acquistare e, quindi, a dare fiducia a un’azienda che, attraverso la cura della propria immagine, è riuscita ad aumentare la propria credibilità. Ricorda, inoltre, che lavorare come Graphic Designer potrebbe rivelarsi più stressante del previsto: è necessario reinventarsi ogni giorno, essere sempre pronti ad affrontare nuove sfide, aggiornare costantemente le proprie conoscenze, imparare ad ascoltare le richieste altrui e rispettare le esigenze e i punti di vista del cliente. Si tratta di un settore in perenne sviluppo, sia dal punto di vista creativo che tecnico. Di conseguenza, il professionista è tenuto a seguire i trend in atto, ad aggiornarsi circa l’uso dei nuovi software, a coltivare la propria vena artistica e la propria creatività, a conquistare l’attenzione del pubblico.